WEDDING

P&B Original Wedding > Wedding > Fiori e Bouquet > Il Bouquet e gli addobbi Il Bouquet e gli addobbi

..CIRCA 3/4 MESI PRIMA….e dopo aver scelto l’abito…

IL BOUQUET

    bouquetPer tradizione il bouquet rappresenta l’ultimo omaggio del fidanzato prima delle nozze. L’usanza vuole che il bouquet sia recapitato a casa della sposa dal testimone o dallo sposo stesso, che però non può vedere la sposa. Qualunque sia la sua forma, con i suoi bellissimi colori e sfumature, è come indossare un’opera d’arte. Per quanto riguarda il colore dei fiori, è importante si, che siano in perfetto coordinato con il colore portante della cerimonia, ma bisogna tener conto, oltre al vestito e allo stile scelto, anche dell‘età della sposa. Infatti il galateo vuole una sposa giovane con fiori sui toni del bianco oppure di un rosa chiaro, o comunque fiori non troppo vistosi. Una sposa più matura invece dovrebbe evitare il bianco e scegliere colori più decisi come il verde, il viola o il rosso o comunque inserire il bianco in maniera marginale.

C’è ancora un “Se”…. 

country…Se avete optato per un matrimonio più campagnolo, dal taglio molto country, non fate l’errore di decidere per un bouquet ed addobbi estremamente eleganti: stonerebbero con il senso che volete dare alle vostre nozze. Perciò “sì” a bouquet di fiori di campo, sapientemente sistemati, magari tenuti insieme da nastrini di raso e tela oppure fiori meno raffinati delle rose e delle orchidee…ad esempio dalie, rosmarino, camomilla, lisanthius, margherite, edere ecc..

Il Bouquet come detto rappresenta un dettaglio prezioso, in quanto ha il potere di valorizzare la sposa, l‘abito ed il suo fisico. Esistono diverse teorie sulla forma del bouquet ma la cosa che si evince è che il fiorista dovrebbe vedere l’abito della sposa prima di proporre qualsiasi soluzione. La forma del bouquet può variare moltissimo, questo perchè deve essere realizzato in funzione dello stile dell’abito e della personalità della sposa.

Un bouquet perfetto deve:
– essere maneggevole
– non ingombrante
– non troppo pesante
– adatto alle dimensioni delle mani della sposa  e quindi facilmente impugnabile;

Il bouquet può essere confezionato di diverse tipologie e forme. Ecco un piccolo elenco:

bouquetcascata– A cascata: attira l’occhio da sopra a sotto, perciò ha un effetto dimagrante; è perfetto per una sposa alta e robusta, mentre è sconsigliato per una sposa più piccolina. L’Abito è importante e con un consistente strascico.

bouquettondo

– Rotondo e compattoè adatto a tutte le stature e figure e per questo è considerato “universale“, anche se su una sposina bassa non contribuisce a slanciare la figura. E’ ideale anche per una sposa informale che indossa un abito corto. 

bouquetgrandeBouquet aperto e voluminoso: è perfetto per una sposa romantica ma moderna purché sia una sposa slanciata.

bouquetfascio

– Bouquet a fascio: è adatto per una sposa “più grande” sia che indossi un tailleur o un abito lungo. E’ un bouquet un po’ difficile da portare in quanto va appoggiato sul braccio, quindi la sposa deve essere slanciata e dal portamento elegante e disinvolto.

IL BOUQUET….DA LANCIO!
Oggi sta prendendo sempre più piede il bouquet da lancio per tutte quelle spose che vogliono conservarlo come ricordo, ma onorare la tradizione del lancio. E’ un bouquet più piccolo e confezionato appositamente per essere lanciato, quindi molto leggero ma nei colori e nella forma dell’originale. Di solito se ne fa carico la sposa. In luogo di questo, un pensiero carino potrebbe essere donare il bouquet all’amica più cara, o alla sorella, o disfarlo, per regalare un fiore a ciascuna amica ancora single! 

icona_curiositaIl lancio del bouquet è un’usanza molto frequente, prima di congedare gli ospiti, e, secondo quanto ci tramanda la tradizione è la sposa, con le spalle rivolte verso le donne nubili, a lanciare, il bouquet con l’augurio per colei che lo prende di ricevere entro l’anno una proposta di matrimonio. L’usanza del lancio del bouquet trova la sua origine nell’Europa del XIV secolo e nasce come surrogato di un’altra usanza, quella secondo la quale ottenere un pezzo del vestito della sposa portasse fortuna. Poi si pensò di trasferire il concetto di buon auspicio, dal pezzo di stoffa ai petali di fiori, in particolare al fiore di arancio, poiché l’abito da sposa era considerato l’abito migliore e pertanto servibile anche in altre occasioni e non doveva rovinarsi.

GLI ADDOBBI

Per quanto riguarda gli addobbi ovviamente questi devo essere estremamente curati e in perfetto unisono con lo stile della cerimonia. Che siano per la chiesa o per la location, devono riprendere sapientemente i colori ed il “profumo” delle nozze. Non devono essere eccessivi, ma di effetto. A volte basta anche un fiore meno pregiato ma confezionato in una maniera originale…per ottenere un risultato finale dal successo assicurato.

Associazione culturale EventiGrafici
Barbara 347.1804202 c.f. 94069620584
originalwedding2014@gmail.com | richiedi preventivo