WEDDING

P&B Original Wedding > Wedding > Lo Sposo Lo Sposo

….CIRCA 2 MESI PRIMA…

Siamo soliti apprezzare gli uomini in giacca e cravatta ritrovando in questo modo di vestire un’eleganza che può essere di tutti i giorni in ufficio, o in occasioni importanti come soirée, ricorrenze e cerimonie. L’abbigliamento “formale” maschile può, a seconda del colore, del tessuto e dei dettagli, soddisfare un’esigenza elegante piuttosto che sportiva, ma è importantissimo scegliere bene e con cura l’abito giusto! Gli abiti non sono tutti uguali e vanno “abbinati” alla circostanza. Il fattore più importante nella scelta di questi capi è la VESTIBILITA’ cioè “come sta addosso”. Poi, certamente contano molto anche il colore, il tessuto e lo stile, ma sicuramente questi sono elementi secondari. L’abito (o la giacca) da uomo deve vestire come se fosse un’estensione di se stessi e quindi come si suol dire: “deve calzare a pennello!”, assecondando il fisico ed esaltandone la silhouette in modo perfetto, come una seconda pelle, ma non perché è stretto, bensì perché lascia liberi di muoversi, di essere naturale nei movimenti e soprattutto perché fa sentire a proprio agio. Alcuni criteri importanti di vestibilità sono:

– per LE SPALLE: devono essere comode ma non troppo larghe da creare un effetto “quadrato”.
– per LA MANICA: deve essere lunga al punto giusto da lasciare intravedere sempre il polsino della camicia, sia a braccio teso che piegato, e deve avere un giro manica che consente il movimento del braccio, senza che la parte davanti della giacca si sollevi.
– per IL BUSTO: deve essere sufficientemente comodo da portare quando la giacca è allacciata con il bottone di mezzo, anche da seduto, ma non deve essere eccessivamente larga.

La certezza matematica che un abito vesta in modo impeccabile, come per le donne, è scegliere un capo fatto su misura. In questo modo ogni pezzo sarà cucito “addosso” al proprio fisico.
Una valida alternativa però può essere rivolgersi a quelle case di produzione che offrono il servizio “drop”, ossia il rapporto fra la larghezza del torace e quella della vita. Indicazioni importanti, un pò come per i fisici femminili visti nella precedente sezione, sono:

– una taglia 50 con “drop 8” significa che la giacca in questione è prevista per chi ha una vita abbastanza stretta rispetto al torace, quindi è perfetta per una conformazione snella;
– una taglia 50 con “drop 6” invece è prevista per chi non presenta grosse differenze di misura fra la vita e il torace e quindi è indicata per una conformazione normale;
– mentre una taglia 50 con “drop 4” va bene per chi ha lo stomaco sporgente rispetto al torace, dunque è l’ideale per chi ha un po’ di pancetta.

 

Icona_galateoABITI MASCHILI E BON TON. In base alle diverse circostanze, è più “giusto” indossare un taglio di abito rispetto adun altro.Nella storia i “gentleman“ per le diverse occasioni ne hanno scelti 3 in particolare che ritroviamo anche nelle descrizioni di famosi romanzi o fatti di rilevante importanza storica: Smoking, Frac e Tight.

smoking– LO SMOKING incredibilmente elegante, è consigliato per occasioni che si svolgono dopo le 18.00!
Esso consta di giacca nera monopetto con bottone unico senza spacchi o tasche sportive, revers in seta, la manica con quattro bottoni ricoperti anch’essi di seta; pantaloni neri a tubo; camicia bianca a maniche lunghe, (ricordate di voltare i polsi verso l’esterno e chiuderli con dei gemelli); panciotto molto scollato che non si noterà e lascerà visibile la camicia; in alternativa al panciotto si può indossare una fusciacca cioè una fascia plissettata; calze nere di seta lunghe fino al ginocchio; scarpe nere in cuoio e lisce; immancabile e super fashion il papillon nero di seta oppure di raso!

icona_curiositaIl termine “smoking” deriva da smoking jacket, cioè “giacca da fumo”. Infatti un tempo veniva indossato dagli uomini nelle stanze adibite ai fumatori! Il galateo su questo sembra d’accordo. Per sposarsi questo abito è fortemente sconsigliato.

frac– IL FRAC per occasioni o incontri con persone davvero molto importanti.
Giacca nera a doppio petto, con risvolti di seta e code di rondine, corta e aderente in vita, non ha bisogno di essere abbottonata; pantaloni neri; panciotto di piqué bianco (il piqué è un tessuto di cotone con piccoli motivi in rilievo, rombi, quadrati, puntolini); camicia bianca. Ai polsi ovviamente dei gemellipapillon bianco (non nero come per lo smoking); scarpe nere lisce; calze nere di seta lunghe fino al ginocchio;

icona_curiositaSe volete osare ancor di più potrete utilizzare una sciarpa bianca di seta o cashmere, dei guanti bianchi, un orologio da taschino, cappello a cilindro nero e infine fazzoletto di seta bianco, bastone.

taight– IL TIGHT: ideale per le occasioni diurne, soprattutto in caso di nozze e qualora la sposa indossi l’abito bianco con velo lungo. Giacca nera o grigio antracite con un solo bottone, corta davanti, sagomata e con due code lunghe arrotondate dietro che arrivano fino al polpaccio; pantaloni grigi, senza risvolto e passanti, perchè la cintura non andrà indossata; bretelle in raso grigio; panciotto grigio; camicia bianca; cravatta a “plastron” fermata da una spilla o perla; calze nere o grigie, anche in questo caso lunghe fino al ginocchio; scarpe nere liscie.

 Icona_galateoSecondo la tradizione se lo sposo lo indossa, stessa cosa dovranno fare i parenti maschi più intimi e vicini.
Il mezzo tight è un tight a mezza coda.

Associazione culturale EventiGrafici
Barbara 347.1804202 c.f. 94069620584
originalwedding2014@gmail.com | richiedi preventivo